Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 9/4/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
ATTI E RESOCONTI
A seguito dei congressi internazionali "L'immunità" (luglio 1999), "La sanità: dove siamo arrivati, dove stiamo andando" (novembre 1999), "La cura del cancro e dell'Aids" (gennaio 2000), "La battaglia per la salute" (marzo 2001)
MEDICINA, NATURA E TECNOLOGIA

Si è svolto presso la Villa San Carlo Borromeo di Senago, dal 13 al 15 luglio 2001, il Congresso internazionale La scienza della vita. Medicina, natura e tecnologia.

Oltre cento i relatori che hanno contribuito al serrato dibattito in rappresentanza dell'America, dell'Africa e dell'Europa. Sono stati affrontati molti dei temi che costituiscono l'attuale dibattito scientifico internazionale, in particolare l'origine dell'AIDS, del cancro, dell'encefalopatia spongiforme bovina il cosiddetto morbo della "mucca pazza", le problematiche connesse all'aumento di temperatura del pianeta il cosiddetto "effetto serra" attribuito da più parti all'aumento dell'anidride carbonica nell'atmosfera terrestre, quelle inerenti il "buco dell'ozono", e ancora l'etica della medicina, il presunto conflitto tra natura e tecnologia e tra scienza e tecnologia. Ciò che è emerso è d'interesse planetario.

Peter Düsberg — scienziato della National Academy of Science, docente di biologia molecolare all'Università Stanley Hall di Berkeley, in California, pionere della scoperta dei retrovirus e fra i primi ad aver isolato un gene del cancro — ha ribadito l'estraneità dell'HIV nell'origine dell'AIDS e invece l'importanza dello stile di vita, in particolare dell'uso di droghe e di psicofarmaci. Per la genesi del cancro, ha ribadito l'importanza dell'alterata divisione dei cromosomi nella modificazione del comportamento cellulare.

Kary B. Mullis — premio Nobel per la chimica nel 1993 per l'invenzione della PCR — ha confermato l'assenza di prove scientifiche intorno all'origine virale dell'AIDS, verificata persino presso i suoi più noti assertori, da Luc Montagner a Robert Gallo che, direttamente da lui interpellati, non hanno saputo fornirgliene.

Sam Mhlongo — sudafricano, consigliere del presidente Thabo Mbeki per le questioni sanitarie — ha affermato che la medicalizzazione della vita non è una risorsa per i paesi africani poveri e che l'incidenza dell'AIDS in Africa è basata su una questione diagnostica e non di effettiva epidemia, sostenendo che oggi vengono fatte confluire nella diagnosi di AIDS malattie che una volta erano diagnosticate singolarmente (tubercolosi, dissenteria di varia origine, denutrizione, sarcoma di Kaposi e altre). La vera causa dell'AIDS, quindi, è da ricercarsi nella povertà, nella malnutrizione e nelle precarie condizioni di vita. Ha ribadito, quindi, che gli aiuti dai paesi industrializzati devono consistere in tecnologia e aiuti economici per migliorare le condizioni di vita e non in presunti rimedi farmacologici che ottengono invece il risultato di avvelenare la popolazione.

David Rasnick — ricercatore presso il Dipartimento di Biologia molecolare e cellulare dell'Università della California — ha asserito che negli Stati Uniti, per l'eccessiva interferenza dello Stato nelle questioni scientifiche, non c'è più un dibattito scientifico libero e che la stessa democrazia è in pericolo senza una netta distinzione tra Stato e Scienza, tra Stato e Medicina; ha sostenuto inoltre che l'ipotesi basata sull'origine virale dell'AIDS non è scientifica, ma politica, e che il consenso su questa tesi è comprato, così come quello sulla trasmissione sessuale dell'AIDS.

Il tedesco Ronald Scholz — docente di biochimica all'Università di Filadelfia — ha tratteggiato un'analogia tra l'HIV (per l'AIDS) e il prione (per l'encefalopatia spongiforme bovina) smentendo ogni possibile correlazione causale. A supporto della sua affermazione, ha indicato l'impossibilità per il prione di superare la doppia barriera gastrointestinale ed ematoencefalica senza promuovere l'attivazione dei dispositivi immunitari. Inoltre, questa malattia non è per nulla nuova, ma è ben nota ai veterinari di ben mezzo secolo fa: si tratta di un allarmismo inutile.

Gli austriaci Christian Fiala e Claus Köhnlein hanno testimoniato che:

  • non ci sono test, a detta degli stessi produttori, in grado di stabilire con precisione la presenza di anticorpi anti-HIV nel sangue umano
  • i casi effettivi di AIDS sul pianeta, rispetto a quelli previsti dall'UNAIDS, l'organismo delle Nazioni Unite, sono solo il 3%
  • la definizione di AIDS cambia di continuo per tentare di sostenere queste previsioni statistiche e non scientifiche
  • l'Uganda, contrariamente a quanto generalmente accreditato, non è l'epicentro della presunta epidemia di AIDS e, contrariamente a quanto viene propagandato, la sua popolazione non è in via di estizione, anzi è in continuo aumento
  • in Uganda non c'è trasmissione sessuale di AIDS
  • in Tailandia, uno dei pesi del Sud-Est asiatico meta del turismo sessuale planetario, la cosiddetta AIDS è più diffusa nel Nord del paese, dove viene prodotto l'oppio, che non nel Sud dove invece sono più diffuse le malattie veneree.

I lavori del congresso si sono svolti con la direzione del professore Armando Verdiglione ed il patrocinio di

  • Fondazione di cultura internazionale Armando Verdiglione O.N.L.U.S.
  • Università internazionale del secondo rinascimento
  • Associazione psicanalitica d'Europa O.N.L.U.S. (Roma)
  • The Second Renaissance (Jerusalem, Tokyo, New York)
  • Association "Le chiffre de la parole" (Lausanne)
  • Casa editrice SPIRALI e rivista mensile"Il secondo rinascimento"
  • FIDH - Federazione Internazionale dei Diritti dell'Uomo - Lega italiana

Brevi profili dei partecipanti

SAM MHLONGO
Sudafricano, è stato medico di base per il servizio sanitario Brent e Harrow a Londra e, dopo diciassette anni di pratica nella capitale inglese, è tornato in Sud Africa. Ora è primario di medicina generale e capo del dipartimento di prima assistenza all'ospedale di Johannesburg. Il presidente sudafricano Mbeki ha giudicato interessanti i suoi studi sull'Aids e per questo gli ha permesso di illustrare ufficialmente la sua visione "non ortodossa" alla conferenza mondiale sull'Aids che si è tenuta lo scorso luglio a Durban.

PETER DÜSBERG
Scienziato di fama mondiale, membro della National Academy of Science, uno dei più autorevoli microbiologi del mondo, docente di biologia molecolare all'Università Stanley Hall di Berkeley, California, pioniere nella scoperta dei retrovirus e fra I primi ad aver isolato un gene del cancro, autore del libro Aids. Il virus inventato e di numerosi saggi. Attualmente il suo interesse principale è teso a valutare l'ipotesi dell'aneuploidia come causa del cancro.

DAVID RASNICK
Lavora presso il laboratorio di Peter Düsberg al dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare dell'Università della California, a Berkeley. È coautore con Peter Düsberg della monografia intitolata Il dilemma dell'Aids: malattie da droga imputate a un virus passeggero. È presidente del "Gruppo per un nuovo approccio scientifico dell'ipotesi Hiv/Aids e della Coalizione internazionale per una medicina giusta, che ha sede a Culpeper, in Virginia. Per Spirali, ha scritto il romanzo La vera storia dell'Aids

KARY B. MULLIS
Biochimico, esperto di DNA , dedicandosi alla ricerca sulla sintesi degli oligonucleotidi, inventò la reazione a catena della polimerasi (PCR), per la quale ricevette il premio Nobel per la Chimica, nel 1993. Attualmente è Vice Presidente e Direttore dell'Istituto per la Biologia Molecolare presso Burstein Technologies, Irvine (Ca). È noto al grande pubblico per il libro Ballando nudi nel campo della mente , pubblicato in Italia lo scorso anno.

Fra gli altri sono intervenuti :

Pasquale Bandiera(Italia), Christian Fiala (Austria), Aldo Gerbino (Italia), Giuliano Gramigna (Italia), Claus Köhnlein (Austria), Eva Lowstedt  (Svezia), Alberto Malliani (Italia), Jean Oury (Francia), Uwe Peters (Germania), Ove Petersen (Danimarca), Antonio Pezzano (Italia), Matjaz Potrc (Slovenia), Claude Salma (Israele), Shenkar (Israele), Ronald Scholz(Germania), Jacques Schotte (Belgio), Martii Siirala (Finlandia), Marco Trabucchi (Italia), Patrick  Vincelet  (Francia) e Armando Verdiglione








Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.