Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 5/12/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
FIORI DI BACH
Scegliere il rimedio giusto
Influenza: curiamola con i fiori
Autore: Flavio Gazzola

La cute fornisce importanti informazioni sugli organi interni, per esempio attraverso punti specifici, già individuati dalla Medicina tradizionale cinese (MTC) come punti di agopuntura: ogni punto di agopuntura è connesso con un organo interno e la sua misura elettrica (conducibilità e capacità elettriche) consente di stabilire se l’organo connesso, o parte di esso, è sano o malato e, se è malato, quanto è malato.

Ma il fatto più sorprendente è che se si pone a contatto della cute della persona in esame un medicamento efficace per la cura dell’organo malato, nel giro di un secondo i valori elettrici del punto in oggetto si normalizzano: in tal modo è possibile non solo stabilire se un organo è malato, ma anche di prevedere esattamente l’effetto dei medicamenti su di esso. Tale fenomeno deriva dalla capacità delle cellule del corpo di comunicare fra di loro attraverso radiazioni, la cui antenna ricetrasmittente è costituita dal DNA cellulare, presente nel nucleo cellulare, sede del codice genetico e dunque direttore dell’attività cellulare.

Ebbene, ponendo in contatto i singoli Fiori di Bach con la superficie cutanea, se il rimedio è adatto accade che il punto di agopuntura alterato si normalizza.

Che cosa è l’influenza

Cito una situazione, che si verifica abbastanza spesso: l’influenza. Normalmente si ritiene che l’influenza sia dovuta alla presenza di virus cattivi, che ci attaccano e ci costringono a letto con febbre, debolezza e torpore, dolori muscolari migranti e, abbastanza spesso, mal di testa. In realtà i virus sono solamente il fattore scatenante di una situazione di debolezza già presente, analogamente ai pollini che scatenano le allergie primaverili o estive. Se non esiste la predisposizione ad ammalarsi di influenza e di forme allergiche, non c’è virus o polline che tenga: non ci ammaliamo.

Le cause principali del “terreno” influenzale (si intende in Medicina naturale per “terreno” l’insieme delle condizioni organiche che predispongono alla salute o alla malattia) sono tre:

  1. la causa climatica, cioè il freddo umido e il non essere vestiti in modo adatto per sopportarlo;
  2. la causa gastroenterica: l’insieme degli organi digestivi e intestinali contiene la gran parte degli organi immunitari, deputati alla difesa dalle malattie acute; se vi sono problemi digestivi e intestinali le difese immunitarie sono indebolite e possono essere più facilmente vinte da agenti patogeni esterni, come i virus;
  3. la causa psichica: lo stress indebolisce la capacità mentale di opporsi a qualsiasi tipo di difficoltà; è noto che le persone molto impegnate nel loro lavoro, soprattutto dirigenti, professionisti e lavoratori autonomi, si ammalano, nella stragrande percentuale dei casi, durante il week-end, cioè quando “si lasciano andare”. Tale sentimento, nato dalla mente, agisce come un vero e proprio comando sugli organi deputati alle difese immunitarie, i quali lasciano la porta aperta agli agenti infettivi esterni. Il sentimento di “lasciarsi andare”, non deriva solo dallo stress, bensì da situazioni diverse quali una forte paura, una perdita, un lutto, un esame andato male, una delusione amorosa.

Curare l’influenza in modo alternativo ed efficace

Quali rimedi opporre a questi tre fattori, che costituiscono la base di tutte le malattie acute, come l’influenza, e la premessa per più gravi malattie croniche, quando perdurano sufficientemente?

Per quanto riguarda i fattori climatici, è necessario, d’inverno, indossare una maglia di lana e vestirsi adeguatamente con cappotto, sciarpa, guanti e cappello e, per chi abita in città, concedersi, appena possibile, una gita in campagna per respirare aria migliore.

I fattori gastroenterici sono corretti da un giorno di digiuno e, successivamente, da una dieta leggera o comunque consona alle possibilità digestive della persona.

Bisogna convincere le mamme, di fronte al bimbo con febbre, debilitato e inappetente, che la soluzione migliore è un digiuno idrico di un giorno, seguendo l’istinto del bimbo e, successivamente, per qualche giorno, una dieta priva di grassi, fritti, dolciumi, merendine, panini imbottiti, pasti freddi consumati in fretta, sottaceti, prodotti sott’olio, scatolame, bevande dolcificate, pasti consumati di fronte alla televisione.

Per quanto concerne i fattori psichici, la cura migliore è costituita dai Fiori di Bach

Per lo stress da lavoro fanno miracoli il Fiore di vite (Vine) e di Verbena (Vervain); per le delusioni il fiore di Ornithogalum (Star of Bethlehem).

Ora supponiamo, riprendendo l’esempio dell’influenza e del test bioelettronico, nel corso del quale si rileva l’alterazione elettrica di un punto di agopuntura corrispondente al polmone, che noi poniamo in contatto con il corpo del paziente una fiala test di vetro trasparente, contenente Vervain; se Vervain è il rimedio indicato per trattare la condizione emozionale negativa vissuta in quel momento dal paziente, il punto del polmone elettricamente alterato si normalizza nell’arco di un secondo. Somministrando Vervain al paziente, non solo gli toglieremo lo stress, ma eserciteremo anche un’ottima prevenzione sulla influenza in incubazione, oppure, se il paziente si fosse già ammalato, accelereremmo la sua guarigione del 100%!

Naturalmente, oltre a prescrivere Vervain, il medico olistico potrebbe consigliare anche un giorno di dieta liquida, per distogliere energie dalla digestione, e lasciare che il corpo le impieghi più utilmente nel lavoro del sistema immunitario.




dal Dizionario della Medicina naturale:




Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.