Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 9/4/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
MEDITAZIONE E RICERCA PERSONALE
Galleggiamento
Un’ora nella vasca di Lilly
Autore: Nicoletta Frattini

Arrivo puntuale e piena di emozione al mio primo appuntamento con la “vasca di galleggiamento e di restrizione sensoriale”. Inventata negli anni Cinquanta da Lilly, un ricercatore americano, la “vasca” è una specie di grande uovo in cui è possibile “galleggiare” immersi in una particolare soluzione di acqua e sale ad alta densità, nel buio più totale. Si trova, unica in Italia, installata nella sede dell’Associazione Cosmic Egg, a San Donato Milanese.

Suono il campanello e mi apre Luca, che immediatamente punta lo sguardo sui miei piedi: «Qui si entra senza scarpe!». Salto fuori dalle mie scarpe in un baleno. L’atmosfera è gradevole, familiare, sembra di essere a casa: il profumo dell’incenso, la musica di sottofondo, la luce soffusa, l’arredamento… Mi sento subito a mio agio, anche se sono impaziente di vedere questa “vasca” speciale di cui mi hanno parlato in maniera entusiasmante. Eccola! È enorme e bianca, e somiglia al muso di un delfino, per quanto sia invece qualcosa di inusuale e “strano”. Non è una vasca comune: è dotata di un coperchio che serve ad isolarsi totalmente dall’esterno, di un impianto stereofonico e di un sistema speciale di circolazione e sterilizzazione dell’acqua. In effetti sembra una capsula spaziale, ed ascoltare le spiegazioni sul suo utilizzo mi fa ricordare i viaggi in aereo, quando ti raccontano quali procedure seguire, quando mettere e togliere le cinture di sicurezza… Ma a differenza di qualsiasi altro viaggio, questa volta l'emozione è forte e il cuore batte.

Dopo la doccia preventiva, obbligatoria, finalmente entro: mi immergo lentamente in qualcosa di caldo, di morbido e rotondo, accogliente, avvolgente… È una sensazione affettuosa, rassicurante, una pancia, una bella pancia morbida e appena illuminata. C’è una musica, molto adatta, che mi accompagnerà per i primi dieci minuti, e prima di distendermi mi guardo intorno, per assicurarmi di aver capito bene le “istruzioni per l’uso”: c’è il pulsante della luce, da usare in caso di “improvviso desiderio di mondo”, poi c’è quello dell’allarme, in caso di “improvviso desiderio di compagnia”, e una salviettina arancione, per asciugarsi ed evitare di mettersi le mani bagnate di soluzione salina negli occhi.

OK. Mi sdraio… Galleggio!

È la cosa più strana eppure più naturale che abbia mai provato: non faccio il minimo sforzo. Sono immobile e galleggio come una goccia di olio nell’acqua! Davvero strabiliante, anche il mio stupore infantile! Non resta altro che rilassarsi… E chiudo gli occhi, in un oceano morbido e caldo e silenzioso. Vengo distratta dal mio respiro, che è vivo e udibile come mai prima. Lo seguo, lo ascolto, diventa una ninna nanna. E aumenta di volume, diventa grande, grande, mi sembra di essere solo respiro, sono il mio stesso respiro, sono consapevole di essere il respiro stesso che mi alimenta!

Ora la luce e la musica svaniscono. Tutto è buio e silenzioso. Tutto è respiro. Sento tutto, buio silenzio respiro. Ho la netta sensazione di percepirmi, di sentirmi un vero essere vivente, di scoprire di esistere, di essere parte, di essere fondamentale, di essere Dio. Una goduria totale!

L’emozione è tale che i pensieri mi assalgono e si rincorrono nella testa ad una velocità inusuale: pensieri di ogni tipo, sulla mia vita, sulle mie cose, e non riescono a fermarsi, scappano via velocissimi, come se fossero inutili, in quel momento, come se il loro posto non fosse lì nella vasca insieme a me. Nella vasca, i pensieri assumono un altro peso: li osservi, i pensieri, non li pensi!

Mi diverte, questa scoperta: guardo i miei pensieri passare nella mente.

Mi annoiano terribilmente, li trovo banali, inutili, non sono “i miei” pensieri, sono solo pensieri. Ma nella vasca non c’è posto per i pensieri; sembra che nella vasca sia vietato pensare, sia quasi impossibile, sia inutile. Questo stato di “non pensiero” è l’unico che può aprire le porte della percezione: ecco che cosa ho capito, nella vasca! Il gioco è fatto: nella vasca si raggiunge il non pensiero.

Tempo un attimo, e sento la musica riavvicinarsi a me: la sessione è terminata. Riprendo lentamente possesso del mio corpo, che fino a quel momento avevo magicamente dimenticato… Sento le gambe incredibilmente pesanti… Ma basta un comando mentale ed ecco che si muovono, leggerissime ed agili, e posso alzarmi, in un piacevole solletico… Mi rimetto l’accappatoio e mi avvio alla doccia. Arriva immancabile la domanda: «Com’è andata?». La risposta è tutta in una fragorosa risata di gioia e contentezza, di benessere. Mentre lavo via la soluzione salina che ricopre la pelle mi accorgo di quanto lentamente io mi muova. Ogni piccolo gesto porta con sé un’incredibile carica di consapevolezza.

Sono di nuovo vestita, seduta a sorseggiare la tazza di tè offerta dal Cosmic, nel silenzio e nella tranquillità del confortevole ambiente che mi circonda. Di nuovo tra i mortali, penso. Ma la sensazione che mi rimane è solo quella dell’immortalità.








Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.