Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 22/2/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
Filosofia della medicina
Come evitare gli acciacchi e vivere felicemente
La ragione delle malattie
Autore: Flavio Gazzola

La ragione delle malattie

La ragione delle malattie

Inizia in questo numero una serie di articoli dedicata alla spiegazione delle malattie.

Normalmente le malattie sono in "territorio medico" e vengono descritte in "medicalese".

Perché ciò avviene? Vi sono almeno due ragioni principali: la prima è corporativa, come in tutte le arti e professioni.

Si tratta di difendere il patrimonio di conoscenze faticosamente acquisito: solo chi appartiene alla corporazione ha diritto di sapere. Il principio in sé non è né buono, né cattivo: può costituire una protezione dai ciarlatani, ma nello stesso tempo limita la consapevolezza dei pazienti . A tale proposito bisogna notare tuttavia che molte persone non desiderano né consapevolezza, né responsabilità, ma preferiscono obbedire ad una "autorità" medica superiore, quasi con un atto di fede e necessitano perciò di un atteggiamento autoritario da parte del medico.

Il secondo scopo è cautelativo di fronte ad atteggiamenti ipocondriaci o allarmistici: si vuole evitare che la paura della malattia aggravi la malattia.

In ogni caso la conseguenza è una estrema limitazione della possibilità di ottenere una reale riflessione sull'essenza delle malattie. Si traccia una tabella e a ogni cella della tabella si dà il nome di una malattia. Poi, ad ogni malattia si collegano alcuni esami e alcuni farmaci. Si esclude la necessità della comprensione della catena causale dei fenomeni che hanno condotto alla malattia. Del resto, se si risalisse lungo di essa, troveremmo che le cause di base delle malattie sono legate a negligenza e ignoranza. Le causalità scatenano il fenomeno morboso, che però è stato predisposto allo scatenamento da negligenza e ignoranza, sia del paziente, sia del medico. L'insalata delle malattie è costituita da negligenza e ignoranza, spruzzate con una quota più o meno grande di casualità. Anche il concetto di casualità andrebbe limitato. Per esempio, è vero che il freddo conduce facilmente alle malattie di raffreddamento, come il raffreddore, ma il freddo colpisce non proprio casualmente chi per negligenza o ignoranza si espone ad esso con abbigliamento insufficiente.

E' necessario dunque vincere la negligenza e l'ignoranza, traducendo finalmente dal "medicalese" il concetto di malattia.

Vorrei iniziare la mia opera di traduttore con le malattie allergiche. "Allos" in greco significa "diverso". Il corpo non sopporta ciò che è diverso da sé. Ma in realtà tutto il mondo esterno è diverso dal "sè". Il mondo si divide in due parti: l'universo del singolo organismo e l'universo intorno ad esso. per tale ragione non vi è limite alla possibilità di reazione allergica, poiché ogni sostanza esistente può divenire allergizzante. Se la malattia si aggrava l'organismo si può sensibilizzare verso parti del corpo e ciò conduce alle cosiddette malattie autoimmuni, che sono in effetti una forma più grave di allergia.

Nei prossimi articoli svilupperò ulteriormente tutti gli aspetti dell'allergia. per il momento, chi soffrisse di allergia e desiderasse un consiglio concreto, può ottenere una consulenza online gratuita, spiegandomi il suo problema e indirizzando il messaggio a flarida@tin.it o medico@naturalismedicina.it.




dal Dizionario della Medicina naturale:




Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.