Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 14/8/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
MEDICINA BIOELETTRONICA
E' possibile conoscere e curare la sclerosi a placche con l'aiuto dei check-up bioelettronici
La sclerosi a placche svelata e curata con EAV e iridologia
Autore: Flavio Gazzola

L’applicazione dell’iridologia e dei check-up bioelettronici

L’applicazione dell’iridologia e dei check-up bioelettronici

allo studio e cura della sclerosi a placche

L’iridologia, insieme con i check-up bioelettronici, fornisce importanti informazioni riguardo all’evoluzione e alle cause della sclerosi a placche.

Innanzitutto cos’è la sclerosi a placche? E’ una malattia che consiste nella degenerazione a zone (placche) delle guaine dei nervi encefalici.

Tale degenerazione conduce dapprima a fenomeni patologici funzionali (come la diplopia o visione doppia, perdita dell’equilibrio, talora paresi muscolari, ecc.) dovuti ad una sorta di "cortocircuito" dei nervi, non più protetti dalla guaina isolante.

In seguito la degenerazione, che in un primo tempo è passeggera ed è riparata rapidamente, diviene cicatriziale ed il tessuto danneggiato non è più in grado di riprendersi: è il momento in cui si instaurano paresi muscolari stabili.

Cosa può fare la medicina naturale?

La medicina naturale può portare a completa guarigione la sclerosi a placche, a patto che venga curata in una fase iniziale.

In una fase avanzata infatti, ciascuna placca tende a trasformarsi in un focolaio infiammatorio che contribuisce alla diffusione della malattia.

In tale fase la medicina naturale ben applicata può ancora fermare l’evoluzione della sclerosi, ma non può portarla a completa guarigione.

Cosa fa la medicina ufficiale?

La medicina ufficiale non è in grado di comprendere i meccanismi, né di individuare le cause esatte della sclerosi a placche. Manca dei mezzi diagnostici e anche della mentalità olistica necessaria per comprendere la malattia sotto tutti i punti di vista.

Non riuscendo a comprenderla, utilizza un trattamento sintomatico anti-infiammatorio, basato sull’impiego del cortisone e ultimamente un trattamento immunomodulante con interferone.

Il problema è che a lungo termine, non essendo trattate le cause, il trattamento anti-infiammatorio non funziona più, ma nello stesso tempo produce esso stesso danni, aggravando fondamentalmente tutto il quadro clinico.

L’interferone, come il cortisone, è utilizzato alla cieca. Non si sa quale virus possa essere eventualmente responsabile della sclerosi a placche, ma proviamo a stimolare le difese immunitarie forse qualcosa succederà. E’ un po’ come prendere a pugni un elettrodomestico quando non funziona, sperando che in qualche modo si possano ripristinare i contatti interrotti.

Insomma un metodo pericoloso.

Dopo oltre vent’anni di esperienza con i check-up bioelettronici e l’iridologia applicati allo studio e alla cura della sclerosi a placche posso assicurare i seguenti punti:

  • E’ una malattia polifattoriale
  • E’una malattia di tipo allergico o autoimmune
  • La reazione allergica o autoimmune è scatenata da focolai infiammatori presenti per lungo tempo nell’organismo e che si possono individuare con esattezza
  • Alcuni tipi di virus intervengono nello scatenamento della malattia
  • E’ scatenata anche da fenomeni di allergia o intolleranza alimentare ben individuabili
  • E’ aggravata da fattori di inquinamento, in particolare l’inquinamento elettromagnetico
  • E’ scatenata da traumi emozionali specifici, anch’essi ben individuabili e trattabili
  • Ogni singolo caso ha una combinazione di fattori causali diversi e non si può dunque ricorrere ad un trattamento uguale per tutti, come invece cerca ottusamente di fare la medicina ufficiale
  • L’EAV è in grado di evidenziare ogni aspetto della malattia
  • L’esame iridologico è in grado di documentare l’andamento e la eventuale disposizione ad ammalarsi di sclerosi a placche. Le due fotografie a corredo di questo articolo mostrano fenomeni infiammatori della proiezione del sistema nervoso sull’iride, scatenati dall’influenza di forti campi elettromagnetici presenti nell’ambiente

Infine tengo a sottolineare, come ho fatto in diverse occasioni, che sono disponibile a mettere a disposizione la mia esperienza nel trattamento di questa malattia, se mi venisse richiesto ufficialmente.

Nel frattempo sono disponibile a fornire supporto e consiglio a tutti i lettori di NaturalisMedicina che ne avessero bisogno





Alcune immagini:

Area cerebrale destra sull'iride

Il pigmento scuro e l'aspetto infiammatorio delle fibre radiali dell'iride indicano una duplice causa in questo caso di sclerosi: inquinamento con sostanze chimiche ed anomala esposizione a campi elettromagnetici





Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.