Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 27/2/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
FIORI DI BACH
Una tesi sui fiori di Bach
I fiori di Bach
Autore: Angelo Salvatore Miseo

I FIORI DI BACH

L’utilizzo dei fiori di Bach deve essere acquisito con l’esperienza su se stessi e su gli altri e non teoricamente.

Il metodo del dott. Bach non è indirizzato alle malattie, ma ai malati (al loro stato mentale).

Sono le sofferenze mentali che portano alla malattia del corpo.

Il dott. Bach dice che la salute è una sensazione di armonia all’interno di se stessi: armonia con se stessi, con gli altri, con la natura.

Individui che non amano la vita sono infelici e l’infelicità porta alla malattia .

In una casa bambini, animali, piante  sono ammalati perché i loro “padroni” non sono in equilibrio.

Compito dei fiori di Bach è quello di riportare l’equilibrio agli stati emozionali e quindi di allontanare la malattia; non si cerca di eliminare un’emozione per quanto possa essere negativa, ma di renderla più accettabile sviluppando delle qualità; combattere un’emozione serve solo a renderla più forte. Le qualità da sviluppare sono: amore, pazienza, onestà, coraggio, gioia, ecc..

 

 

 

IL TEST

Il test deve essere eseguito dalla persona interessata, il terapeuta serve solo da supporto.

Per fare il test bisogna individuare un problema reale, non un’emozione.

Risultato del test può essere uno dei rimedi, ma anche un consiglio: questo perché il metodo del dott. Bach porta l’individuo a conoscersi meglio, a saper fare delle scelte e a trovare soluzioni ai propri problemi, prima ancora di aver utilizzato un rimedio.

Il rimedio individuato con il test non è altro che un catalizzatore, uno starter, per la soluzione del problema: è l’individuo che alla fine risolve il proprio problema .

Il dott. Bach sosteneva che l’uomo per risolvere i suoi problemi deve cercare di avvicinarsi alla natura.

I bambini potranno fare il test dopo i 7 anni, ma con loro lo faranno anche i genitori.

Il malato saprà di essere sulla via della guarigione quando inizierà a percepire una sensazione di qualità superiore che può essere: pace, speranza, gioia, fede, certezza, saggezza e amore.

 

IL METODO DEL DOTT. BACH

Il metodo del dott. Bach vuole insegnarci che il fine di tutto è di diventare ognuno il terapeuta di se stesso e che se una malattia si è instaurata, il motivo  bisogna ricercarlo in un evento che ha impedito a quell’individuo di percorrere la propria via, di fare le sue scelte.

Bisogna imparare ad ascoltarsi e a vedere cosa  vogliamo veramente e impedire agli altri di interferire con le nostre scelte.

La malattia è una reazione causata dall’instaurarsi di un’emozione determinata dalla mancanza di una scelta.  Volendo fare l’esempio dell’orgoglio, possiamo dire che questa  genererà malattie che creano rigidità fisica. Individui che hanno instabilità psichica, avranno difficoltà nel mantenere l’equilibrio nei movimenti. Individui avidi avranno molti desideri ed ambizioni e a tavola mangeranno sempre e in continuazione (es. chi mastica gomma)

 

LE EMOZIONI

Il dott. Bach ha individuato tra le emozioni le principali che sono sette ; ognuna  è stata associata  ad uno o più fiori per sviluppare una particolare qualità

 

I RIMEDI

Il dott. Bach ha sviluppato due tipi di prodotti: le infusioni solari e i decotti.

Le infusioni solari servono per i 12 guaritori e i 7 aiuti (problemi acuti e di media gravità), mentre i decotti sono i 19 assistenti ( problemi gravi ).

I 12 guaritori sono stati sviluppati nella gioventù per risolvere problemi semplici; in seguito per risolvere problemi più complicati ha sviluppato i 7 aiuti; quando i problemi sono diventati ancora più pesanti ha messo a punto i 19 assistenti con il metodo del decotto per estrarre maggiore energia poiché più concentrati ( vedere sul libro il metodo per ottenere la tintura madre )

La tintura madre ottenuta con il metodo del dott. Bach ( diversa dalle altre tinture madri ) viene utilizzata per preparare la “STOCK BOTTLE” versandone 2 gocce in un flaconcino con 30 ml di cognac o brandy. Per il trattamento bisogna prendere un flaconcino da 30 ml e riempirlo con un cucchiaino di cognac e acqua di fonte al tutto aggiungere 2 gocce dalla “STOCK BOTTLE”: questo sarà il flaconcino di trattamento.

Dal flaconcino di trattamento si prenderanno 4 gocce in un po’ d’acqua ( in un cucchiaio da minestra ) 4 volte al giorno per una settimana o per multipli di sette giorni fino a quando il problema non sarà risolto; interromperemo, comunque, il trattamento dopo 7 settimane .

Unica eccezione è  RESCUE REMEDY  di cui si assumono 4 gocce direttamente dalla “STOCK BOTTLE” al momento opportuno.

E’ importante ricordare di utilizzare una terapia alla volta per la stessa patologia.

 

“I 12 GUARITORI” si chiamano così perché  effettivamente guariscono problemi acuti e ben definiti: acuto è ciò che riguarda il momento presente e non dura molto nel tempo.

Quando invece i problemi sono un po’ più complessi useremo “I 7 AIUTI” , per problemi cronici intesi come abituali: questi non arriveranno ad una vera guarigione .

“I 19 ASSISTENTI” curano i problemi profondi che hanno radici così profonde da non riuscire a capire da dove derivino; questi rimedi aiutano a sopportare meglio il problema, ma non possono eliminarlo.

La chiave per saper se usare “I 12 GUARITORI” o gli altri rimedi è la disperazione.

Si usano ”I 12 GUARITORI” quando non c’è disperazione , quando la disperazione è moderata useremo “I 7 AIUTI” e quando c’è molta disperazione useremo “I 19 ASSISTENTI”.

La disperazione la sentiremo fisicamente come un groppo alla gola o allo stomaco o nei visceri .

I 38 rimedi sono stati divisi tra le 7 emozioni principali:

 

1.    Ipersensibilità alle influenze e alle idee

1.1.   AGRIMONY

1.2.   CENTAURY

2.    Incertezza

2.1.   CERATO

2.2.   GENTIAN

2.3.   SCLERANTHUS

3.    Preoccupazione eccessiva per gli altri

3.1.   CHICORY

3.2.   VERVAIN

4.    Mancanza di interesse per il presente

4.1.   CLEMATIS

5.    Solitudine

5.1.   IMPATIENS

5.2.   WATER VIOLET

6.    Paura

6.1.   MIMULUS

6.2.   ROCK ROSE

7.    Disperazione

7.1.   AIUTI E ASSISTENTI

 

Quando, con il test, viene individuato un rimedio per prima cosa bisogna rispondere con sincerità alle domande proposte dalla scheda del rimedio (elementi di riflessione) e cercare dare una risposta alle domande proposte (introspezione).

 

 

AGRIMONY

L’emozione per cui viene utilizzato AGRIMONY è la

ipersensibilità alle influenze e alle idee.

L’individuo che ha bisogno di questo rimedio è una persona gioviale, ma che nasconde tutti i suoi  problemi  dietro questa facciata: ride sempre, scherza, racconta barzellette; la sera, però, quando va a letto è circondato da enormi mostri e da idee che lo torturano per tutta la notte.

Gli individui AGRIMONY , ad una festa, si riconoscono perché sono tutti insieme a ridere, a divertirsi, a bere e sembrano non avere alcun tipo di problema, ma la loro mente è piena di preoccupazioni di ogni genere per se stessi e per gli altri.

Un  modo per dimenticare queste preoccupazioni è di bere un po’ di alcool per essere più felici (soprattutto gli uomini) oppure organizzando feste o  partecipandovi.

Queste persone sono impazienti, agitate e sempre in movimento; non sopportano le persone che litigano e quindi cercano di riportare la pace: i papà ne sono un esempio.

L’emozione principale è l’inquietudine che non  dimostreranno mai, se non di notte; nella vita di tutti i giorni sono gentili, socievoli, gioviali, ottimisti.

Sono come delle spugne che assorbono le inquietudini altrui ed è per questo che fisicamente sono corpulenti e anche dei gaudenti.

La qualità che questi individui devono sviluppare è la pace, che possono raggiungere portando il silenzio nella loro mente anche dando delle risposte alle domande proposte dalla scheda .

La frase “ Fate la pace con il  vostro  carneficesignifica che all’interno del soggetto AGRIMONY c’è un carnefice che lo tortura e anche le persone che lo circondano sono dei carnefici; le preoccupazioni sono la tortura.

Sarà abbastanza difficile per queste persone risolvere il problema, perché oltre ad essere masochisti (pensano di poter sopportare tutto), difficilmente accettano  i consigli e i punti di vista degli altri e più grandi sono le preoccupazioni e più berranno tanto da diventare alcolizzati.

La regola generale per il soggetto AGRIMONY è di non farsi carico dei problemi degli altri perché ne ha già tanti , essere più pratici: ridere ed essere ottimisti non è sufficiente.

Soggetti  AGRIMONY sono soprattutto gli uomini.

 

 

CENTAURY

CENTAURY, come AGRIMONY, viene utilizzato per la stessa emozione:

ipersensibilità alle influenze e alle idee.

La personalità di CENTAURY è anch’essa inquieta e ansiosa, ma tranquilla.

Sono persone che si  impegnano frequentemente con tutte le loro forze per aiutare gli altri, pensando di fare del bene e di guadagnare  rispetto e stima, però questo li porterà a farsi sfruttare.

Possiamo definire questa emozione  la sindrome di “CENERENTOLA”.

Una persona che è schiava non può  portare a termine  la missione della sua vita che è di crescere, evolvere, diventare se stessa;  avrà un atteggiamento di servizio e sottomissione verso gli altri.

Il soggetto CENTAURY non discute: esegue. 

In CENTAURY abbiamo una doppia personalità: la persona totalmente sottomessa e l’altra che tende a sottomettere gli altri.

Nell’ambito di una festa  le persone CENTAURY  sono quelle che si danno da fare affinché vada tutto bene e che agli ospiti non manchi niente: per loro non arriva mai il momento di festeggiare, ma aspettano sempre il “principe azzurro o la principessa”.

Quando succede che arriva il ” principe azzurro “ , l’epilogo della favola non è quello che conosciamo: nella vita reale “CENERENTOLA” si trasforma in un tiranno e allora chiederà all’altro di fare tutte quelle cose che lei ha sempre fatto.

Nella trasformazione da schiavo a tiranno, CENTAURY sottometterà non solo l’altro, ma anche il resto della famiglia compreso il cane; i suoi figli diventeranno ancora più tiranni.

Per fare il  tiranno utilizzerà ogni espediente: la stanchezza, falsi malesseri (soprattutto emicrania), ecc. e se da schiavo ha rispettato tutte le regole ad oltranza, da tiranno creerà nuove regole.

CENTAURY è un falso modesto, perché nella sua mente pensa di essere debole e aspetta di essere forte per prendersi le sue rivincite; arriviamo al paradosso che tiranneggiato e tiranno sono la stessa cosa; è un tipo di tirannia che non viene imposta con la forza, ma con una strategia psicologica.

CENTAURY diventa tiranno grazie alla sua seduzione ed è per questo che diremo che questo rimedio è rivolto soprattutto alle donne.

La qualità che CENTAURY  deve sviluppare è la forza , la capacità di dire “no” a chi tiranneggia e anche al tiranno che c’è nella sua mente.

Spesso troveremo  coppie AGRIMONY e CENTAURY, questi avranno figli AGRIMONY e CENTAURY.

 

 

CERATO

 

L’emozione per cui viene utilizzato CERATO è la

incertezza

di quelli che non hanno sufficiente fiducia in se stessi e che chiedono sempre consiglio agli altri.

I soggetti CERATO proveranno tutto ciò che viene loro consigliato, ma avranno sempre il dubbio che ci sia qualcosa di meglio e non saranno mai convinti della loro scelta.

CERATO ha una mancanza di identità: non sa chi è effettivamente e prende spunto da modelli proposti dagli altri e cerca di imitarli ( gli adolescenti ne  sono un tipico esempio ).

E’ sempre davanti allo specchio a farsi domande sulla sua bellezza e potremmo definire questo la sindrome della “REGINA DI BIANCANEVE”.

CERATO è un chiacchierone e riesce a convincere gli altri a fare cose di cui non è convinto: per questo non bisogna credere ai suoi consigli anche perché smentisce quello che ha detto.

CERATO è  un  ipocondriaco, un  malato immaginario.

La qualità che deve sviluppare è la saggezza e la fiducia in qualcuno.

E’ un folle ed è per questo che seguire i suoi consigli può portare al baratro.

CERATO è il miglior cliente di maghi e cartomanti e questi sono anche loro  CERATO .

 

 

CHICORY

 

L’emozione per cui viene utilizzato CHICORY è la

preoccupazione eccessiva per gli altri,

di quelle persone che adorano essere attente alle necessità degli altri e da questo ne hanno un piacere. Generalmente è qualcuno che vi adora e per questo sarà sempre attento affinché  tutto sia a posto; farà tutto per voi: è la “madre universale”, la “mamma chioccia”.

La “mamma chioccia”,  protettrice e possessiva  non può essere abbandonata neanche da adulti, perché i suoi figli non saranno mai cresciuti abbastanza.

Quando qualcuno sposa il figlio o la figlia di questa madre, sposa automaticamente anche lei.

Le persone CHICORY utilizzeranno diversi espedienti per tenere vicino a loro i loro figli e non lo faranno perché sono tiranni, ma perché la loro caratteristica è l’egoismo.

La congestione è un male che li affligge (vogliono tutto il sangue per se), insieme alle emorroidi, alla pletora in generale.

La qualità che CHICORY deve sviluppare è la compassione,  perché deve imparare a dare amore per amore e non per ricatto.

 

 

CLEMATIS

 

L’emozione per cui viene utilizzato CLEMATIS è la

mancanza di interesse per il presente,

di  persone sognatrici che tendono a sfuggire alla realtà con il sogno (sotto tutte le sue forme) , rifugiandosi nel passato e nella nostalgia. In presenza di un problema iniziano a sognare,  si creano delle distrazioni, sono disattenti o inventano scuse per non essere presenti.

Accendere una sigaretta è il segno del sogno, perché il fumo rappresenta uno schermo davanti agli occhi.

Gli individui CLEMATIS non hanno voglia di lavorare,  non sanno cosa sia il lavoro, ascoltano sempre la musica o guardano la televisione (molti giovani sono CLEMATIS).

Per CLEMATIS il momento più bello della giornata è quando si trova in un bel letto caldo e morbido con qualcuno a fianco; un sintomo per riconoscerli è il sonno:  dormono molto.

CLEMATIS è completamente indifferente al presente e si rifugia costantemente nel passato (potremmo definire questo la  sindrome di  “ORFEO”), gli manca il senso dell’umorismo e allora la qualità da sviluppare è  l’ allegria.

Un oggetto molto importante per CLEMATIS è la televisione con i suoi accessori, perché gli permette facilmente di sognare.

 

 

 

 

 

GENTIAN

 

L’emozione per cui viene utilizzato GENTIAN è la

incertezza,

di quelle persone scoraggiate e che vedono solo il lato negativo delle cose.

Le cose possono anche migliorare, ma di fronte al primo ostacolo perdono il coraggio.

GENTIAN ha una errata visione della vita e la qualità che deve sviluppare è l’intelligenza, intesa come accettazione della vita per quella che è.

GENTIAN è uno scettico e vede solo ostacoli sulla sua strada ed è per questo che appartiene all’incertezza, poiché è molto difficile convincere uno scettico.

Possiamo paragonare GENTIAN  a  “PIERROT”, il pagliaccio che è triste perché le cose non funzionano sempre; quindi  lo riconosceremo anche dall’occhio facilmente lacrimevole.

 

 

IMPATIENS

 

L’emozione per cui viene utilizzato IMPATIENS è la

solitudine,   

di quelle persone che sono anche impazienti, ma che hanno una tensione nervosa estrema e che stanno sempre davanti agli altri, senza aspettare.

IMPATIENS  è il rimedio tipico dei “managers” che sono persone con molta energia e non che amano essere rallentati dagli altri.

IMPATIENS rasenta facilmente la collera e l’irritabilità e si arresta solamente di fronte al suo dolore fisico che ancora una volta lo isola, perché non vuole essere consolato.

La qualità che IMPATIENS deve sviluppare è il perdono, perché non è capace di chiedere scusa, di dire che ha sbagliato; non lo sentirete mai dire grazie. E quando questo succederà, non sarà più solo, perché avrà  imparato ad accettare gli altri e a non sentirsi superiore a loro.

 

 

MIMULUS

 

L’emozione per cui viene utilizzato MIMULUS è la

paura,

di quelle persone che hanno una paura di qualsiasi cosa che abbia dei connotati ben precisi: paura dei ragni, dei ladri, della notte, dei topi; la loro paura ha sempre un nome. Una paura di cui non ne parlano, perché questo potrebbe essere usato contro di loro.

MIMULUS cerca di eliminare questa paura eliminando ciò  che la determina, con la distruzione: la paura di MIMULUS genera odio e quindi  distruzione.

MIMULUS ha sempre paura di qualcosa: una paura profonda, angosciosa, ma senza terrore; ha una mancanza di umorismo, non ride.

La qualità che deve sviluppare è la misericordia nei confronti dell’oggetto della sua paura, perché misericordia significa “portare nel cuore con amore” che è il contrario di “avere la paura nel cuore”.

La paura  è  il paravento  per nascondere il vero motivo della sua fobia: la paura di se stessi, poiché  MIMULUS si identifica, simbolicamente, con l’oggetto della sua paura ed è  quindi  importante capire cosa non si ama di se stessi.

Stanchezza e astenia sono sintomi di MIMULUS .

 

ROCK ROSE

 

L’emozione per cui utilizziamo ROCK ROSE è la

paura,

di persone terrorizzate, in preda al  panico.

ROCK ROSE ha grandi paure quali la morte, i terremoti, paura delle forze soprannaturali, paure sovrumane e quindi più grandi lui.

E’ la paura che troviamo in situazioni estreme con una sensazione di disperazione, perché c’è una mancanza di speranza; è quando si ha la sensazione di morire,  di non aver alcuna via d’uscita o di non possedere mezzi per affrontare determinate situazioni.

Sintomi di ROCK ROSE sono tremore e sudorazione.

Il significato recondito di queste paure è che ROCK ROSE ha paura della vita, perciò la qualità che deve sviluppare è il  coraggio: c’è bisogno di coraggio per vivere e di coraggio per morire, di coraggio eroico.

ROCK ROSE è anche un componente di RESCUE REMEDY e lo si può utilizzare quando qualcuno è in fin di vita: sia chi sta per morire che i suoi familiari.

 

 

SCLERANTHUS

 

L’emozione per cui utilizziamo SCLERANTHUS è la

incertezza,

di persone dubbiose, esitanti, indecise nel fare scelte.

SCLERANTHUS si muove in continuazione, ondeggiando da destra a sinistra, sempre indeciso su che direzione prendere.

SCLERANTHUS ha problemi con tutto ciò che è ritmo; è un rimedio prettamente femminile perché  la vita della donna è condizionata dai ritmi biologici (ciclo, menopausa).

A SCLERANTHUS piace molto ballare, perché ha bisogno di ritmo per non ammalarsi.

La qualità da sviluppare è la  fermezza.

 

 

VERVAIN

 

L’emozione per cui utilizziamo VERVAIN è la

preoccupazione eccessiva per gli altri,

di quelle persone che hanno entusiasmo per qualcosa e vedono solo quello, in breve dei fanatici.

VERVAIN è il rimedio tipico dei professori, dei terapeuti , di quelle persone che stanno a contatto con gli altri e che cercano testardamente di ottenere risultati, perché credono di sapere qualcosa in più degli altri.

VERVAIN è testardo, energico, autoritario, riformatore e i suoi figli o i suoi discepoli saranno come lui.

La qualità che VERVAIN deve sviluppare è la tolleranza, la non-violenza.

La persona che asserisce di essere tollerante o non-violento è anch’esso VERVAIN, perché non si può essere tolleranti o non-violenti per tutto.

Quando si cerca di convincere continuamente qualcuno con ogni mezzo, anche il più dolce, questo è essere VERVAIN.

 

 

WATER VIOLET

 

L’emozione per cui utilizziamo WATER VIOLET è la

solitudine,

di quelle persone molto discrete, molto fiere, molto degne,  molto gentili, non aggressive che hanno un grosso dispiacere. Il dispiacere è profondo, intimo e non viene esternato.

La  solitudine di WATER VIOLET è  immensa, triste ; la solitudine di chi ha perso la persona che amava e  sa di non poterla più ritrovare.

La qualità che WATER VIOLET deve sviluppare è la gioia.

 

 

RESCUE REMEDY

 

Questo è l’unico rimedio complesso proposto dal dott. Bach ed è anche l’unico che non va diluito e si prende solo in casi eccezionali.

Bisogna pensare a RESCUE REMEDY come al freno d’emergenza del treno: si usa solo in casi straordinari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 








Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.