Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 22/11/2019

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
ASSOCIAZIONI
La pubblicità alimentare in TV è spesso nociva
Merendina, spazzolino e attività fisica
Autore: Associazione per la lotta alla Trombosi

Comunicato Stampa

 

 

Ecco la ricetta  per gli spot alimentari rivolti ai bambini

 

MERENDINA, SPAZZOLINO E ATTIVITA’ FISICA

 

Maggiore attenzione al problema dell’obesità infantile e raccomandazioni pratiche e precise per uno stile di vita sano

 

 

Milano, 2 agosto 2004 - E’ in vigore dal 22 luglio scorso il nuovo Codice di Autodisciplina Pubblicitaria. La novità è l’integrazione all’art.11, dedicato ai bambini e agli adolescenti,  volta a tutelare i minori in campo alimentare.

Questo importante contributo teso a migliorare il livello standard degli spot pubblicitari alimentari rivolti ai bambini, rappresenta però solo un primo passo che avrebbe dovuto vedere l’autorevole collaborazione di organizzazioni scientifiche e morali con competenze ed interessi etici in materia di alimentazione infantile come l’Accademia Internazionale di Pediatria, la European Childhood Obesity Task Force e l’Associazione Genitori.

 

L’integrazione all’art. 11 infatti risulta essere ancora in cerca di indicazioni precise e soprattutto pratiche in tema di educazione alimentare in particolare considerata l’emergenza obesità tra bambini e giovani.

 

In Europa del Nord il tasso di diffusione di sovrappeso tra i bambini è del 10-20%, mentre in Europa  del Sud i tassi di diffusione sono del 20-35%.

“L’andamento del peso dei bambini cresce insieme con i costi relativi ad ogni tipo di pubblicità alimentare rivolta ai minori, che è aumentata di sei volte a partire dal 1998 e continua a crescere”, sottolinea Paul Lincoln, Direttore del National Heart Forum.

 

La salute dei minori, con particolare riferimento alla loro alimentazione ed al ruolo che gli spot pubblicitari ricoprono in questo campo è, al momento, una delle priorità nei piani della Commissione Europea e per molti degli Stati europei.

Alcuni Paesi più attenti (Irlanda, Inghilterra, Svezia, Danimarca, Olanda), ai quali l’Italia potrebbe ispirarsi, hanno emanato leggi e/o raccomandazioni più precise e spesso pratiche, sulla struttura degli spot alimentari per bambini proprio per implementare le corrette abitudini alimentari e per contrastare l'emergenza obesità.

 

Ad esempio:

 

  • Gli spot riguardanti biscotti o cioccolata devono mostrare ai bambini l’uso dello spazzolino da denti  e devono incoraggiare l’esercizio fisico regolare;
  • Gli spot non devono contenere sollecitazioni che sminuiscano l’importanza di prodotti naturali come la frutta e la verdura.                                                                                                                        
  • Gli eroi dei bambini, spesso testimonial degli spot alimentari, devono  farsi portavoce solo di messaggi in linea con le regole di un stile di vita sano.

 

 “L’alimentazione pubblicizzata in Tv rivolta ai bambini, come è ampiamente dimostrato dalla letteratura sul tema, contrasta spesso con i criteri di una sana alimentazione non tenendo nella giusta considerazione le raccomandazioni delle tabelle nutrizionali riconosciute a livello internazionale”,

sostiene la Dott.ssa Margherita Caroli, delegato italiano della European Childhood Obesity Task Force. Anche Lucia Rossi, segreteria nazionale AGE, sottolinea l’importanza di un coinvolgimento maggiore delle famiglie e dei pediatri  da parte dell’industria pubblicitaria e alimentare.

 

EUROPA E OBESITA’ INFANTILE

 

Quest’anno la Commissione Europea ha finanziato un progetto di lotta all’obesità infantile, promosso da EHN (European Heart Network), che coinvolge 20 Paesi europei e, in Italia, è coordinato da ALT – Associazione per La Lotta alla Trombosi- Onlus, che dal 1986 è attiva nel campo della prevenzione e sostegno alla ricerca scientifica nel campo delle malattie cardio e cerebrovascolari.

 

Il progetto è volto a monitorare l’impatto del marketing alimentare nella diffusione dell’obesità infantile. Nel nostro Paese vede la collaborazione tra l’Accademia Internazionale di Pediatria (Presidente Prof. Manuel Castello), il delegato dell’European Childhood Obesity Task Force, (Dott.ssa Margherita Caroli), e ALT, Associazione la cui missione assume un rilievo importante se si considera che le malattie cardiovascolari sono il peggior killer in tutta Europa e l’obesità è uno dei principali fattori di rischio per l’infarto e l’ictus. In particolare, secondo uno studio australiano, bambini obesi all’età di 10 anni presentano un danno arterioso paragonabile a quello di un fumatore di 45 anni, situazione che aumenta il loro rischio cardiovascolare in età adulta.  

 

E’ ormai noto che l’obesità è una malattia multifattoriale, dovuta al concorso di fattori genetici, di scarsa attività fisica e di abitudini alimentari sbagliate. In questo ambito, gli spot pubblicitari alimentari ed il tempo trascorso dai bambini davanti alla Tv, sono solo uno dei numerosi
fattori da considerare.
In Italia”, come ricorda il Professor Manuel Castello Presidente dell’Accademia Internazionale di Pediatria, “abbiamo un primato negativo a livello europeo con il 36% di bambini in soprappeso e quasi il 12% obeso”.

Alla luce delle informazioni scientifiche imparziali disponibili e delle legislazioni già presenti in molti Paesi europei, ci si rammarica che in Italia non esista una legislazione in materia e questo settore sia lasciato solo alla buona volontà delle industrie alimentari e pubblicitarie. Lo Stato dovrebbe ricoprire un ruolo primario in materia di protezione dei minori.

Solo una maggiore collaborazione e un miglior coordinamento da parte di tutte le organizzazioni scientifiche, governative, morali e commerciali porterà  risultati positivi per la salute dei nostri figli.

 

 

Per informazioni:

 


ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi -Onlus 

Ufficio Comunicazione – Maria Clara Marchi

Via Cesare Correnti,14 – 20123 Milano

Tel. 02.72011444  Fax. 02.72021776

comunicazione@trombosi.org

www.trombosi.org

 

AGE – Associazione Italiana Genitori – Onlus

Segretario Nazionale  Sig.ra Lucia Rossi

T. 06.5415212

age@agenazionale.191.it

 

 

European Childhood Obesity Task Force

Delegato Italiano - Dott.ssa Margherita Caroli

pediatra -nutrizionista

mcaroli@libero.it

 

Accademia Internazionale di Pediatria

Presidente Prof. Manuel  A. Castello

(Direttore Istituto  Clinica Pediatrica dell’Universita degli Studi di Roma La Sapienza.)

castello@ainped.org








Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.