Home
  NUMERO 52
  aggiornato al 26/2/2020

Cosa ti interessa?


Ricerca rapida








Numeri passati:
Le Novita'  Corsi, Fiere Dizionario  Consulenza Gratis

 
FITOTERAPIA
Oltre all'iperico un altro grande antidepressivo Ŕ la genziana
Genziana lutea per la cura della depressione
Autore: dott. Ezio Abbiati

Genziana Lutea

Dott. Ezio Abbiati

Descrizione

In vacanza un turista, anche se poco osservatore, non puś fare a meno, camminando fra i monti dell'Auvergne, o fra i pascoli di Sansicario, di notare questa grande pianta dai fiori di colore giallo vivace. Il suo nome ne ricorda il colore: Genziana Gialla o Genziana Lutea L. Questa bella pianta, alta circa un metro, cresce fra gli 800 ed i 2000 metri di altezza, e fiorisce da giugno ad agosto.

La Genziana cresce contemporaneamente ad un'altra pericolosa pianta, il veratro, che le assomiglia nel periodo precedente alla fioritura e che puś indurre in errore anche chi la raccoglie.

La raccolta della radice di genziana dovrł essere fatta al momento della fioritura per evitare la possibile confusione con il veratro, che invece contiene alcaloidi tossici. La radice di genziana

Ć raccolta secondo il metodo tradizionale dei raccoglitori di genziana dell'Auvergne. La specie puś dunque riprodursi. La raccolta viene effettuata con l'aiuto della "forca del diavolo". Si tratta di una forca larga e pesante, con due lunghi denti, munita di un pedale

Le radici possono raggiun-gere un metro di lunghez-za e racchiudono tutte le proprietł della pianta.

Storia

Genzio, re dell'Illiria, fu uno dei primi ad utilizzare e lodare le virtŁ della gen- ziana gialla. Viene raccontato questo aneddoto: ferito durante una batta- glia contro Perseo, re della

Macedonia (anno 170 a.C.), in grave stato ane- mico a causa di una vio- lenta emorragia ed inde-bolito dalla febbre, Genzio era in gravi condizioni. Un medico chiamato al suo capezzale gli consigliś

dei decotti di radice di genziana. Genzio si ripre- se rapidamente ed in suo onore la pianta miracolo- sa venne chiamata "genziana". Dopo questa guari- gione "reale", la genziana fu considerata per secoli come una panacea. Il colore giallo dei fiori Ć stato un elemento importante per gli antichi, ed in particolar modo Paracelso (1500) dedusse l'utilizzo della pianta secondo la sua celebre teoria delle segnature. Infatti il colore giallo Ć il colore del fuoco e del sole, e la genziana ha proprietł febbrifughe. Inoltre Ć stata considerata molto efficace per il suo sapore amaro: piŁ una pianta ha un sapore sgra- devole, piŁ questa deve essere efficace!

Gli antichi dunque non si erano sbagliati, in quanto la radice di genziana ha effettivamente molte proprietł interessanti.

Uso tradizionale

La genziana viene tradizionalmente utilizzata in caso di astenia, sovraffatica- mento, convalescenza. La sua azione tonica e dige-stiva Ć ben conosciuta e la genziana viene utilizzata per la preparazione di aperitivi e liquori. Vanno poi aggiunte le proprietł depurative e coleretiche della radice, che contiene

principi amaari che contribuiscono a migliorare la digestione.

L'azione antidepressiva

Lo stato depressivo caratterizzato da una concentrazione sinaptica troppo scarsa di neurotrasmettitori. Per rimediare a questo deficit, sono possibili due tipi di azioni:

- bisogna rallentare la ricaptazione dei neurotrasmettitori (attivitł IRSN = Inibitrice della Ricaptazione della serotonina e della noradrenalina, tipo Prozac).

- bisogna inibire l'azione della monoaminossidasi di tipo A (attivitł IMAO), quindi bisogna impedire la degradazione enzimatica dei neurotrasmettitori. Questo meccanismo induce un aumento della concentrazione di neuro- trasmettitori nello spazio sinaptico (fra i due neuroni) e quindi un migliora- mento della trasmissione dell'impulso nervoso.

Il miglioramento clinico che ne consegue ha effetti sullo stato emotivo e sul controllo dell'umore.

Esistono antidepressivi di sintesi, ma questi hanno numerosi effetti secondari.








Questo sito offre gratuitamente un servizio culturale informativo generale
sulla medicina naturale o alternativa. Per qualsiasi problema di salute personale
si raccomanda di consultare sempre il proprio medico di fiducia.
NaturalisMedicina CopyRight(C) 1997-2010 Flavio Gazzola.
Organo Ufficiale della Consulta Nazionale di Medicina Naturale.